Disinfestazione cimici dei letti

Le cimici dei letti sono insetti ematofagi di colore bruno rossiccio con corpo lucido e appiattito ovale di circa 7 mm di lunghezza.
Alle nostre latitudini troviamo un’unica specie in grado di vivere a stretto contatto con l’uomo, Cimex lectularius, capace anche di nutrirsi su uccelli, roditori e pipistrelli.
Le cimici dei letti depongono uova di 1 mm di lunghezza di colore biancastro, spesso macchiati dalle feci che le ricoprono. Le uova vengono fissate con un materiale secreto dalla femmina “tipo cemento” in crepe, fessure, superfici ruvide (specialmente il legno), dietro la carta da parati e in altri luoghi frequentati dagli adulti.
Una femmina depone 2-5 uova al giorno nell’arco di 2-3 mesi per un totale di 200-300 uova. In condizioni ottimali, lo sviluppo embrionale è di 6-15 giorni, ma in condizioni ambientali sfavorevoli la schiusa può essere ritardata anche di diversi mesi. Le forme giovanili passano attraverso 5 mute (stadi ninfali) prima di diventare adulte, consumando ogni volta un pasto di sangue. In 1-2 mesi possono raggiungere la maturità sessuale. Hanno le zampe con unghie che gli permettono di arrampicarsi facilmente su superfici rugose, riuscendo facilmente a camminare sui muri e sui soffitti.

Come si nutrono le cimici dei letti?

Adulti e ninfe frequentano gli stessi ambienti. Di giorno si rintanano in rifugi come materassi e giunture dei letti, mentre di notte escono per nutrirsi. La ricerca dell’ospite è lasciata al caso, in quanto le cimici dei letti possono individuarlo solamente a pochi centimetri di distanza.
Dopo aver inserito un apparato boccale nella pelle dell’ospite insetti cominciano loro pasto di sangue più piccole impegnano 3 minuti gli adulti 10-15 appena ordinato il pasto cominciano a defecare.
Possono vivere a lungo riuscendo a sopravvivere anche in condizioni ambientali difficili e in assenza di cibo. Sono in grado, infatti, di rimanere in uno stato di inattività per lungo tempo. Le femmine adulte e le ninfe del quarto stadio sono le più resistenti.

Le cimici dei letti sono pericolose per l’uomo?

Le cimici dei letti possono trasportare numerosi organismi patogeni in grado di provocare malattie come antrace, peste, tularemia, febbre gialla e tifo. Tuttavia è, generalmente, accetta la loro scarsa capacità di trasmettere malattie all’uomo ad eccezione di alcuni virus.